Uno studio pubblicato dal Centro Americano per il controllo e prevenzione delle malattie (CDC) dichiara che il salmone selvatico catturato in Alaska e lungo le coste del Pacifico del Nord America potrebbe essere infetto dal parassita giapponese (Diphyllobothrium nihonkaiense), una volta isolato solo da pesce proveniente dall'Asia. Il rischio di infezione è maggiore quando si consuma pesce crudo o poco cotto, specialmente in piatti come sushi e sashimi soprattutto se non precedentemente sottoposti a congelamento secondo la legislazione vigente in Italia.

 

Fonte:

http://www.alimenti-salute.it/notizie.php

http://edition.cnn.com/2017/01/11/health/salmon-tapeworm-food-study/

 

 

Residui di pesticidi nelle verdure? Contaminanti nell’olio di palma? Tracce di farmaci veterinari nella carne?

Questo rapporto mette a disposizione una panoramica dei dati raccolti dagli Stati membri dell'UE e dai portatori di interesse, analizzati dall'EFSA nel 2015 e 2016 allo scopo di tenere sotto controllo e valutare i livelli di sostanze chimiche negli alimenti. Si tratta di una forma di collaborazione che aiuta i responsabili delle politiche a proteggere la salute dei consumatori in Europa.

Questo lavoro aiuta le autorità nazionali ed europee a tenersi al corrente circa la situazione reale e a misurare l’efficacia dei controlli in essere. Può anche aiutarle a capire se occorrano nuove valutazioni in termini di sicurezza o misure di controllo, oltre che a stabilire le priorità per le future attività di finanziamento alla ricerca e di raccolta dati.

Fonte:

http://www.efsa.europa.eu/it/press/news/161215

http://www.efsa.europa.eu/sites/default/files/corporate_publications/files/161215chemicalsinfoodreport.pdf

http://www.sicurezzaalimentare.it/sicurezza-produttiva/Pagine/SostanzechimichenelcibonuovostudioEfsacondati.aspx

 

AIIPA IV Gamma - gruppo attivo all'interno del raggruppamento "Prodotti Vegetali" dell'Associazione Italiana Industrie Prodotti Alimentari e rappresentante delle principali aziende del settore - segnala che il freddo intenso, cui si sono aggiunte nevicate eccezionali in alcune Regioni del Sud, sta creando ingenti danni all'agricoltura con conseguenti fortissime difficoltà di approvvigionamento di ortaggi destinati all'industria di quarta gamma. Le aree colpite sono infatti le zone vocate per l'approvvigionamento degli ortaggi in questa stagione.

 

Fonte:

http://www.freshplaza.it/article/87638/Gravi-difficolta-nel-reperimento-di-ortaggi-per-la-IV-gamma-a-causa-del-freddo

I Carabinieri del NAS di Pescara, nell’ambito di attività ispettive, hanno ispezionato numerose imprese alimentari, presenti su tutto il territorio abruzzese, operanti nel settore ittico e dell’acquacoltura.

I militari del NAS, coadiuvati da personale veterinario dell’ASL, hanno sequestrato circa 750 kg di mitili, recanti data di confezionamento successiva a quella reale, aumentando, in tal modo, la “shelf life” del prodotto e fornendo un’informazione diversa rispetto alla realtà. Il legale rappresentante dello stabilimento, è stato denunciato alla Procura della Repubblica teatina per tentata frode nell’esercizio del commercio. Altre segnalazioni sono arrivate da tutto il territorio Abruzzese.

http://www.salute.gov.it/portale/news/p3_2_1_2_1.jsp?lingua=italiano&menu=notizie&p=nas&id=614

 

 

L’agenzia per la protezione ambientale (EPA) sta mettendo a punto le misure di sicurezza per fermare gli avvelenamenti causati dal Paracquat, uno degli erbicidi più diffusi per il controllo delle erbe infestanti in molti ambienti agricoli e non agricoli. L’esposizione al Paracquat può avvenire tramite la cute e gli occhi e può causare lesioni gravi o addirittura la morte.

Le principali cause di avvelenamento si sono verificate per ingestione accidentale o per diretto contatto nella lavorazione dei terreni agricoli. L’obiettivo dell’EPA e di altri enti per la sicurezza sul lavoro, è quello di ridurre il rischio attuando un maggior controllo sulle confezioni e segnalando sull’etichetta, che il prodotto in questione, è altamente tossico per la salute umana e per l’ambiente.

https://www.epa.gov/newsreleases/epa-takes-action-prevent-poisonings-herbicide

 file:///C:/Users/Amministratore/Downloads/EPA-HQ-OPP-2011-0855-0112.pdf